| News and Info

My mother's table by Carmela D'Amore

As I sit and watch the faces that have been with me since birth, I feel an ease within myself its my happy place, this is where the heart beats within me that is content.

The woman with the rosy cheeks is preparing what looks like a feast in this sweltering hot day, its December 1968. Please take a seat I really want you to sit with me while I tell you this story?

I feel better if you do.

As I sit with you, I can feel the emotions rise, the sunshine rays are keeping me warm as I remember the story, its been such a long time, I haven't seen her for a while, sometimes I look for her, and I know that she not here anymore, there's an urgency for me to tell you to keep the story and memory alive.

I'm not ranting, its within my memory a time traveller has taken me back to the summer of 1968.

It was hot, and sweaty, the kitchen was full of fragrance and aromas that had been working all day long to create a scene in a picture, I didn't have a care in the world, my dad brought me my new sandals, I'm wearing my shorts that mamma Sarina brought me too. I understand what sacrifices it takes to run a family.

I'm just a little Sicilian/Australian girl, who loves to watch her mamma, and nonna as they cook in the kitchen.

When I look at her, I see the reflection of where I come from and know a sense of who I am, their stories has weaven into my own, my mamma looks after me, loves me, feeds me, clothes me, makes sure I'm tucked in at night, sometimes she tucks me in so tight I can't breathe, and sometimes if I'm a good girl, she will let me sit with her while she sows into the night in our garage, and tells me stories of her parents.

I've never seen them as they live far away in Sicily, when mamma describes her story to me about them, her eyes come alive, its like she takes me to a magical place in Disneyland, she describes to me about her brothers and sisters, she has 2 brothers and 5 sisters.

She gently retraces her own memory and steps as she imparts to me her story about her home and her parents and tells me the story of her older brother, how she wasn't allowed to go outside at night, how he had to go with her to the shops, as its not proper to go on your own, I laugh! I say oh Mummy that's so funny!

She looks at me, and doesn't say anything, its a look that most mum's do when they know you don't understand much.

She works two jobs sometimes 3, to me I don't even think about if she's tired or not, I just love to look at her face.

Today we are celebrating with my nonna Carmela, nonno Gioaccino (Jack) my brother Giuseppe (Joe) and my dad (Salvatore) mum's been cooking cannelloni, all day the sauce is just delicious she lets me and my brother have a taste, while its cooking, she dips the pasta dura bread in the sauce, my brother Joe and I, just sit and eat, happy to be just in her presence.

My mother's table is very big, in our home in Campbellfield, the sunlight comes through while she's cooking and nonna is busy making sauces with her. They really have a good relationship, they laugh together, its funny how nonna Carmela laughs, as she doesn't laugh too often she's always sick.

My dad comes in the kitchen with what looks like lobsters, he is holding them by the legs as we walks in the kitchen, mamma tells him to take them into the laundry, he drowns them in cold water. He says we are going to celebrate today. I love it when my family celebrates, I feel warm and happy, I feel rich, when we are together.

This is the moment my memory became a mummy! All the emotions have mummified this moment in time and created a richness that has grown seeds into my life, and everyone I have touched since.

As I'm telling you and you are reading this, I feel sad.

Its been such a long time.

I had forgotten it, something I did today triggered the memory and all of a sudden it came through like the sun comes into my kitchen on a sunny day.

I want you to experience my summer of 1968.

This makes me happy.

I think its best that we keep talking about:

My Mamma's table its filled with all sorts of food, food from her own mother's table, food her mamma used to cook, she tells me of nonna Santa, and I feel like i've known her all my life. Mamma tells me we are going to visit her when I turn 10, she says its been almost 20 years since she has seen her mamma e pappa. You know we don't have FaceTime or Skype, we just send letters, because it costs a lot of money when we call on the phone.

When mamma gets a letter from Sicily, she sits and reads it, and cries, tears stream down her face. I don't understand why she's unhappy. So I go and sit with her and touch her, and she smiles at me.

The lobsters get cooked my dad is cooking them in the kitchen, its still really hot. My brother is getting restless, and I have to keep him quiet, so mamma can cook, nonna is busy, so nonno Jack comes in and takes him off our hands, takes him outside, they are eating watermelon, I think I'm going outside for a bit, and getting some cool breeze, are you coming?

We play outside with nonno Jack and eat our watermelon, nonno tells me not to go into his garden, you know I need his permission to go in, her spends so much time in the garden, everything is beautiful and green, he has cucumbers, tomatoes, onions, beans, herbs, we have a vine tree that is in the middle of our garden, and the grapes are green, nearly ready to eat, the zucchini have grown so big, you can see the pretty yellow flowers dancing in the suns rays, and every night after dinner and lunch we put our scraps in the ground nonno digs a hole and puts all the compost in the ground.

Mamma's calling us..

We run into the kitchen and and the smell of dinner has just stopped me, its like coming home, we sit down the sun's gone now, its cooled down a bit, but the kitchen is still hot, have a look at this table! Its filled with so much food! As I look at each dish, I want to taste every one of them, everyone takes their place, you know we all have our own places, each one sits down, my nonno Jack makes the sign of the cross.

Then we all look at each other and smile, we are happy, its just us.

We start to eat, and I can't tell you how long its been its the best day of my life, we are laughing and no ones upset.

This is the best day I can remember.

Its Christmas day 1968.

As the sun starts to go down, I'm gently reminded by the present moment that its December 2019.

As I cook in my own kitchen and think back to the summer of 1968, what is it I impart to you? Is it the unity within that kitchen that is bound from love, for family, a bind that is not seen but felt. It is the sense of home? Food makes me feel like home, it has a medicine like no other, certain foods engage a cultural memory of nostalgia.

Do you feel this way too?

What makes you feel like home?

Take a moment and close your eyes and feel my mamma's table filled with love for her family, for two generations of people to leave their homes to settle into a new land, do you think that they and I didn't face challenges?

Every settler does, you have to claim your right to the piece of land that's yours including your own right to be in a land that is new, and create a world that belongs to you and your family.

We came with a culture to form new paths and leave trails, that have meaning in a world that is strange, you don't speak the language, your culture is diverse to the one you are in.

And yet the Italian migrant has shaped the world through the food, art, sculpture including its Metropolitan culture.

Take a few moments to visualise your own table.

You can place the richness of my mother Sarina's table and carve a piece from my memory to jumpstart your own.

You know Iv'e had many christmas's not like this one, its vivid in my memory.

Even with my own children we have had many.

This one is the page in my story that I really want to share with you.

Why do I want you to know?

Maybe because there's been such loss within my family, and this is a day that no one can take from me. Maybe because its still tangible in my memory and that little girl is alive in me, and wants to shout it on the roof's top!

Its a day filled with so much love and memories that I will cherish within me forever, to share with as many people who will listen.

Maybe I want you to feel the love through these words, I'm hoping it will inspire you to create your own memories.

What I desire for you to know is that we can always create, memories, we can't erase them.

Christmas is to celebrate the birth of Christ, if you believe.

In this you can celebrate a new birth of your own, another place across your rusty, dusty old table, to use it for its purpose of unity, family and community.

This Christmas as you open your presents, contemplate whats important, remember this story, and as you unwrap the presents, unlock the default in your memory and create!!!!

That family is the most important present and asset in our life that you will unwrap in your everyday life, family is the wealth of the world, its the richness of the community, its the light in the streets. Family is the stars in the sky that lead your home.

Its the safe haven we all crave for, to belong to something bigger than ourselves.

The human connection of life's heart strings, singing our tune.

Create the memories with your children and grandchildren they will remember forever, as we only have the present moment, thats why its called `present.'

Share your table.

Take a leaf from my mothers table.

Remember your own heritage and create this present day filled with love and memories.

Merry Christmas.

Con Affetto

Carmela

---------------------

Mentre mi siedo e guardo i tempi che sono stati con me dalla nascita, sento una calma dentro di me è il mio posto felice, è qui che il cuore batte dentro di me che è contento.

La donna con le guance rosee sta preparando quella che sembra una festa in questa calda giornata afosa, il suo dicembre 1968. Per favore, siediti, voglio davvero che tu ti sieda con me mentre ti racconto questa storia?

Mi sento meglio se lo fai.

Mentre mi siedo con te, posso sentire le emozioni crescere, è passato tanto tempo, non la vedo da un po ', a volte la cerco, e so che non è più qui, c'è un'urgenza per me per dirti di mantenere viva la storia e la memoria.

Non sto rantolando, è nella mia memoria un viaggiatore del tempo mi ha riportato all'estate del 1968.

Faceva caldo e sudava, la cucina era piena di profumi e aromi che avevano lavorato tutto il giorno per creare una scena in una foto, non mi importava niente del mondo, mio padre mi ha portato i miei nuovi sandali, io Indosso i miei pantaloncini che anche mamma Sarina mi ha portato. Capisco quali sacrifici ci vogliono per gestire una famiglia.

Sono solo una bambina siciliana / australiana, che adora guardare sua madre e nonna mentre cucinano in cucina.

Quando la guardo, vedo il riflesso di dove vengo e conosco il senso di chi sono, le loro storie hanno il paradiso nel mio, mia mamma si prende cura di me, mi ama, mi nutre, mi veste, mi assicura Sono nascosto di notte, a volte mi nasconde così forte che non riesco a respirare, e a volte se sono una brava ragazza, mi lascerà sedere con lei mentre semina nella notte nel nostro garage e mi dice storie dei suoi genitori.

Non li ho mai visti mentre vivono lontani in Sicilia, quando la mamma mi racconta la sua storia su di loro, i suoi occhi si animano, è come se mi portasse in un luogo magico a Disneyland, mi descrive dei suoi fratelli e sorelle , ha 2 fratelli e 5 sorelle.

Ripercorre delicatamente la sua memoria e i suoi passi mentre mi racconta la sua storia della sua casa e dei suoi genitori e mi racconta la storia di suo fratello maggiore, come non le è stato permesso di uscire di notte, come doveva andare con lei ai negozi, dato che non è giusto andare da soli, rido! Dico oh mamma che è così divertente!

Mi guarda e non dice nulla, è uno sguardo che la maggior parte della mamma fa quando sa che non capisci molto.

Fa due lavori a volte 3, per me non ci penso nemmeno se è stanca o no, adoro solo guardarla in faccia.

Oggi festeggiamo con mia nonna Carmela, nonno Gioaccino (Jack), mio fratello Giuseppe (Joe) e mio padre (Salvatore), mamma ha cucinato cannelloni, tutto il giorno il sugo è delizioso, mi fa assaggiare me e mio fratello, mentre è mentre cucina, intinge la pasta dura nella salsa, io e mio fratello Joe, ci sediamo e mangiamo, felici di essere solo in sua presenza.

Il tavolo di mia madre è molto grande, nella nostra casa di Campbellfield, la luce del sole arriva mentre cucina e nonna è impegnata a preparare salse con lei. Hanno davvero un buon rapporto, ridono insieme, è divertente come nonna Carmela ride, dato che non ride troppo spesso è sempre malata.

Mio padre viene in cucina con quelle che sembrano aragoste, le tiene per le gambe mentre camminiamo in cucina, la mamma gli dice di portarle in lavanderia, le annega in acqua fredda. Dice che festeggeremo oggi. Adoro quando celebra la mia famiglia, mi sento caldo e felice, mi sento ricco, quando siamo insieme.

Questo è il momento in cui la mia memoria è diventata una mummia! Tutte le emozioni hanno mummificato questo momento nel tempo e creato una ricchezza che ha coltivato semi nella mia vita, e tutti quelli che ho toccato da allora.

Come ti sto dicendo e stai leggendo questo, mi sento triste.

È passato tanto tempo.

L'avevo dimenticato, qualcosa che ho fatto oggi ha innescato il ricordo e all'improvviso è arrivato come il sole entra nella mia cucina in una giornata di sole.

Voglio che tu viva la mia estate del 1968.

Questo mi rende felice.

Penso che sia meglio di cui continuiamo a parlare:

Il tavolo di mia mamma è pieno di ogni sorta di cibo, cibo dal tavolo di sua madre, cibo che sua madre cucinava, mi racconta di nonna Babbo Natale e sento di averla conosciuta per tutta la vita. Mamma mi dice che andremo a trovarla quando compirò 10 anni, dice che sono passati quasi 20 anni da quando ha visto sua mamma e pappa. Sai che non abbiamo FaceTime o Skype, inviamo solo lettere, perché costa un sacco di soldi quando chiamiamo al telefono.

Quando la mamma riceve una lettera dalla Sicilia, si siede e la legge e piange, le lacrime le scorrono sul viso. Non capisco perché sia infelice. Quindi vado a sedermi con lei e la tocco, e lei mi sorride.

Le aragoste vengono cotte da mio padre le sta cucinando in cucina, fa ancora molto caldo. Mio fratello sta diventando irrequieto, e devo tenerlo tranquillo, così la mamma può cucinare, nonna è occupata, quindi nonno Jack entra e lo toglie di mano, lo porta fuori, stanno mangiando anguria, penso che sto andando fuori per un po ', e stai prendendo un po' di brezza fresca, vieni?

Giochiamo fuori con nonno Jack e mangiamo il nostro coniuge nonno mi dice di non andare nel suo giardino, sai che ho bisogno del suo permesso per entrare, lei trascorre così tanto tempo in giardino, tutto è bello e verde, ha cetrioli, pomodori, cipolle, fagioli, erbe, abbiamo un albero di vite che si trova nel mezzo del nostro giardino, e l'uva è verde, quasi pronta da mangiare, le zucchine sono diventate così grandi, puoi vedere i bei fiori gialli che danzano nei raggi del sole, e ogni sera dopo cena e pranzo noi mettere i nostri scarti nel terreno non scavare un buco e mettere tutto il terriccio nel terreno.

La mamma ci sta chiamando ..

Corriamo in cucina e l'odore della cena mi ha appena fermato, è come tornare a casa, ci sediamo ora il sole se n'è andato, si è un po 'raffreddato, ma la cucina è ancora calda, dai un'occhiata a questo tavolo! È pieno di così tanto cibo! Mentre guardo ogni piatto, voglio assaggiarne ognuno, ognuno prende il suo posto, sai che tutti abbiamo i nostri posti, ognuno si siede, il mio nonno Jack fa il segno della croce.

Quindi ci guardiamo tutti e sorridiamo, siamo felici, siamo solo noi.

Iniziamo a mangiare e non posso dirti da quanto tempo è il giorno più bello della mia vita, stiamo ridendo e nessuno è arrabbiato.

Questo è il giorno migliore che posso ricordare.

È il giorno di Natale del 1968.

Mentre il sole inizia a tramontare, mi viene delicatamente ricordato dal momento presente che è dicembre 2019.

Mentre cucino nella mia cucina e ripenso all'estate del 1968, cosa ti insegno? È l'unità all'interno di quella cucina che è legata dall'amore, per la famiglia, un legame che non si vede ma si sente. È il senso di casa? Il cibo mi fa sentire come a casa, ha una medicina come nessun altro, alcuni cibi coinvolgono un ricordo culturale di nostalgia.

Ti senti così?

Cosa ti fa sentire come a casa?

Prenditi un momento e chiudi gli occhi e senti il tavolo di mia mamma riempito d'amore per la sua famiglia, perché due generazioni di persone lascino le loro case per stabilirsi in una nuova terra, pensi che loro e io non abbiamo affrontato sfide?

Ogni colono lo fa, devi rivendicare il tuo diritto sul pezzo di terra che è tuo, incluso il tuo diritto di essere in una terra che è nuova, e creare un mondo che appartiene a te e alla tua famiglia.

Siamo venuti con una cultura per formare nuovi percorsi e lasciare tracce, che hanno un significato in un mondo strano, non parli la lingua, la tua cultura è diversa da quella in cui ti trovi.

Eppure il migrante italiano ha plasmato il mondo attraverso il cibo, l'arte, la scultura, compresa la sua cultura metropolitana.

Prenditi qualche momento per visualizzare il tuo tavolo.

Puoi mettere la ricchezza del tavolo di mia madre Sarina e ritagliarne un pezzo dalla mia memoria per far ripartire il tuo.

Sai che Iv'e ha avuto molti Natale non come questo, è vivido nella mia memoria.

Anche con i miei figli ne abbiamo avuti molti.

Questa è la pagina della mia storia che voglio davvero condividere con te.

Perché voglio che tu lo sappia?

Forse perché c'è stata una tale perdita nella mia famiglia, e questo è un giorno che nessuno può togliermi. Forse perché è ancora tangibile nella mia memoria e quella bambina è viva in me e vuole gridarla sulla cima del tetto!

È una giornata piena di così tanto amore e ricordi che amerò per sempre dentro di me, da condividere con tutte le persone che ascolteranno.

Forse voglio che tu senta l'amore attraverso queste parole, spero che ti ispiri a creare i tuoi ricordi.

Ciò che desidero che tu sappia è che possiamo sempre creare ricordi, non possiamo cancellarli.

Il Natale è celebrare la nascita di Cristo, se ci credi.

In questo puoi celebrare una tua nuova nascita, un altro posto attraverso il tuo vecchio tavolo arrugginito e polveroso, per usarlo per il suo scopo di unità, famiglia e comunità.

Questo Natale mentre apri i tuoi regali, contempla ciò che è importante, ricorda questa storia e mentre scartali i regali, sblocca il valore predefinito in memoria e crea !!!!

Quella famiglia è il presente e il bene più importante nella nostra vita che non scoprirai nella vita di tutti i giorni, la famiglia è la ricchezza del mondo, è la ricchezza della comunità, è la luce per le strade. La famiglia è le stelle nel cielo che guidano la tua casa.

È il rifugio sicuro per cui tutti desideriamo ardentemente appartenere a qualcosa di più grande di noi stessi.

La connessione umana delle corde del cuore della vita, cantando la nostra melodia.

Crea i ricordi con i tuoi figli e nipoti che ricorderanno per sempre, poiché abbiamo solo il momento presente, ecco perché si chiama "presente".

Condividi il tuo tavolo.

Prendi una foglia dal tavolo di mia madre.

Ricorda la tua eredità e crea questo giorno pieno di amore e ricordi.

Buon Natale.

Con Affetto

Carmela

---------------------

Carmela D’Amore

Carmela D’Amore

Carmela D’Amore is an International Sicilian chef, the daughter and granddaughter of Sicilian migrants, with over 45 years of experience in the hospitality industry. Ambassador to Sicilian food and culture, a published International author of over 3 books, currently the executive chef of Sorrento Trattoria, an Italian Restaurant situated in Sorrento on the Mornington Peninsula.